Donna alla guida

LA PAURA DI GUIDARE

LE DIVERSE FORME DELLA PAURA DI GUIDARE

 

Vi è una paura molto diffusa soprattutto tra la popolazione femminile, ed è la paura di guidare.

(Se preferisci il video clicca qui)

 

Ciò che spaventa può essere molto diverso da persona a persona; vediamo alcuni esempi:

 

Paura di guidare in autostrada. In questo caso il timore può essere legato alla elevata velocità, al discorso “casello autostradale” o alla necessità di superare mezzi pesanti.

Paura di guidare su strada nuove. La persona, in questo caso, utilizza l’auto solo per spostarsi su percorsi conosciuti e compie sempre i medesimi tragitti.

Paura di allontanarsi da casa. Qui la paura non necessariamente è legata alla guida di per sè, ma solo al fatto che con l’auto è possibile allontarsi di parecchi km da un luogo che si reputa come l’unico sicuro.

Paura del traffico. La strategia più spesso utilizzata è quella di evitare le ore di punta per mettersi alla guida; allo stesso modo, chi ha paura di guidare con il buio eviterà di mettersi in auto nelle ore serali.

 

Se la paura è molto elevata, sforzarsi da soli di superarla può essere rischioso perchè la guida richiede una giusto equilibrio da automatismi e vigilanza. Se infatti l’estrema sicurezza può portare a sottovalutare i pericoli, un eccesso di ansia ci fa perdere quella spontaneità che permette di liberare la nostra attenzione spostandola da “dentro” (attenzione ai nostri segnali corporei) a fuori (la strada appunto).

 

Anche questo tipo di paure, così come altre già viste, può essere affrontata con l’aiuto di uno psicologo.

 

Il modello di terapia strategica ha elaborato protocolli specifici di intervento che vanno a lavorare su due aspetti:

  1. La percezione della paura: sono state elaborate strategie ad hoc con l’obiettivo di far sentire la persona in grado di gestire la propria ansia affinchè questa non prenda il sopravvento
  2. Allenamento alla guida: necessariamente infatti, guidare è una abilità che va continuamente esercitata. Per chi ha timore farlo, occorre costruire un percorso fatto di piccoli passi, dentro al quale la persona possa collezionare successi e sentirsi gradualmente sempre più capace.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiama ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: