L’ARMA SEGRETA NELLE DISCUSSIONI – Strategie di vittoria #3

 

Si sa che le parole sono come proiettili; ma forse tendiamo a dimenticare che possono essere anche un valido scudo di difesa.

Possiamo ritrovarci protagonisti di uno scontro verbale (anche molto acceso) in situazioni come il luogo di lavoro, nella coppia o anche in famiglia e quasi sempre cerchiamo di “vincere il duello” utilizzando le medesime armi dell’altro: parole aggressive, insulti, tono di voce alto.

Il problema di queste armi è che sono fin troppo evidenti e ben conosciute dal “nemico”.

Ciò che ci serve è un’arma segreta, come può essere la gentilezza contrapposta all’aggressività, o la morbidezza contrapposta alla durezza; armi tanto più tattiche poiché sono improvvise e inaspettate.

La nostra vittoria non necessariamente infatti dipende da quanto riusciamo a ferire l’altro ma da quanto riusciamo ad apparire invulnerabili, come ben indicato ne “L’arte della guerra” :

 

“In una guerra, un abile generale può rendersi invincibile pur se non può indurre un nemico a diventare vulnerabile”

 

Lasciate che l’altro insista, urli, si arrabbi, imprechi. In una parola, SI STANCHI.

Ancora Sun Tzu scrive:

 

“Con ordine affronta il disordine;  con calma l’irruenza. Questo significa avere il controllo del cuore”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiama ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: