momento di cambiare

COME REALIZZARE UN GRANDE CAMBIAMENTO

Ad ognuno di noi è capitato, almeno una volta nella vita, di sentire il bisogno quasi immediato di rivoluzionare completamente la propria situazione (alcuni di noi sono ricchi di questi momenti, come fossero dei collezionisti!).

 

momento di cambiare

 

Vi è l’idea di cambiare nazione, tipo di lavoro, stile di vita… o semplicemente di cambiare completamente il proprio look, che non è così semplice come potrebbe sembrare (gli effetti di un cambio immagine, infatti, non sono da sottovalutare).

Spesso però, ancora prima di iniziare, qualcosa ci demoralizza e ci impedisce di realizzare il nostro sogno.
Potrebbe essere la paura di non farcela, di non essere all’altezza o di sembrare sbagliati; poche volte pensiamo invece, più semplicemente, che un cambiamento radicale non è mai facile, non solo per noi ma con ogni probabilità per chiunque altro. Molte delle nostre azioni e dei nostri comportamenti sono diventati, a causa della loro ripetizione, delle abitudini che ci danno sicurezza (e forse pochi sanno che, dal punto di vista psicologico, anche comportamenti dolorosi o fastidiosi diventano, se reiterati, della abitudini dure a morire).

Qualcuno potrebbe obbiettare che alcuni grandi scopritori di strade nuove o persone che hanno “scombussolato” la loro quotidianità sembrano averlo fatto da un giorno all’altro, e che solo il loro coraggio spieghi tutto questo.
In realtà, nelle rivoluzioni più costruttive e durature, il cambiamento radicale è solo l’effetto finale di un precedente lavoro di “preparazione al saltodurante il quale si valutano vantaggi e svantaggi, potenzialità e limiti, imprevisti e punti fermi, risorse e difetti.

 

D’altronde, come ci spiega il grande studioso Gregory Bateson

“il rigore da solo è morte per asfissia, la creatività da sola è pura follia”.

 

Capito quindi che un grande cambiamento richiede sempre una grande preparazione rimane aperto il problema di come iniziare …la prescrizione per riuscirvi è tanto banale quanto efficace: partire dal più piccolo e semplice cambiamento possibile. Di tutte le cose che vorremmo modificare prendiamo la più insignificante, la più facile da realizzare, la meno spaventosa e gli effetti non tarderanno ad arrivare.

In psicologia strategica si dice che il piccolo cambiamento è come una palla di neve che una volta spinta con la minima forza necessaria inizierà a rotolare, aumentando sempre più di grandezza fino a diventare una valanga.

A tutti quelli che vorrebbero intraprendere un viaggio di cambiamento auguro di riuscire a trovare il primo gradino, la scala sarà poi la sua naturale conseguenza.

Senza dimenticare che:

il vero viaggio di scoperta non è vedere nuovi mondi ma cambiare occhi”

M.Proust

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiama ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: