Virus

TRE CONCETTI SULLA PANDEMIA

PANDEMIA: TRE CONCETTI

Tratto dal libro Event X

Nel suo libro del 2012 “Eventi X”, John Casti* elenca e descrive concetti molto vicini a quelli utilizzati dagli epidemiologi per spiegare come si diffonde una malattia nella popolazione:

1) In ogni popolazione troviamo persone così dette “supercontagiose”: ben introdotte nella società, possono diventare per questo molto virulente;

2) Numerosi agenti patogeni mutano, perciò non possiamo mai liberarcene del tutto poichè compaiono sotto forma di molti ceppi diversi (vedi l’influenza);

3) Cito testualmente le parole dell’autore: “Gli essere umani sono di gran lunga più sensibili al loro ambiente di quanto sembri a prima vista. In altre parole, dipende dai parametri culturali della popolazione a cui la gente appartiene se essa è pronta a cambiare comportamento e, magari, recludersi volontariamente in quarantena o persino a prendere elementari misure precauzionali per evitare l’infezione: come indossare una mascherina o persino lavarsi le mani. Nei piccoli centri le persone reagiranno diversamente dagli abitanti delle grandi metropoli”.

Europa connessa

L’autore aggiunge che tra il riuscire a contenere una malattia e il suo diffondersi molto velocemente (come un incendio boschivo) esiste una linea molto sottile , che non è legata solo a quanto il sistema immunitario dell’uomo riesca ad adattarsi ma anche a come e quanto gli essere umani si “connettono” tra di loro.

CURIOSITA'
I giochi virtuali, come World of Warcraft, sono stati usati per simulare il comportamento delle persone (in questo caso avatar) davanti ad una malattia estremamente contagiosa. Emerse esattamente quello a cui stiamo assistendo: ignorando le quarantene, gli avatar cercavano di fuggire. Alla fine i programmatori sono stati costretti a spegnere e riavviare il sistema”.

N.B. Qualcuno ha sostenuto che il comportamento nel virtuale può essere molto più incosciente e quindi non considerabile come prova. L’autore J.Casti, tuttavia, ci ricorda anche l’argomentazione contraria: i giocatori investono moltissimo nei propri avatar, perciò il loro ego è in realtà ben espresso nei loro rappresentanti virtuali

* John Casti, matematico americano, pioniere delle scienze della complessità e teorico dei sistemi. Attualmente dirige l’X Center, centro di ricerca dedicato alla previsione di eventi estremi causati dall’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now ButtonChiama ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: